Quito: schierati 3.600 agenti in carceri



Il governo dell'Ecuador sta schierando 3.600 poliziotti e soldati per aumentare la sicurezza delle sue prigioni, dopo che alcuni giorni fa in una delle rivolte di detenuti più violente e letali nella storia del Sud America sono morti 118 prigionieri. 

 "Il governo li ha mobilitati permanentemente e quotidianamente in tutte le carceri dell'Ecuador", ha detto il ministro degli Interni, Vela: è una mossa per "garantire la sicurezza". 

Tre giorni fa, la rivolta in un carcere di Guayaquil.

Posta un commento

Nuova Vecchia