Apple e Tesla colpite dalla carenza di carbone in Cina e dalla crisi energetica

 

I colossi della Big Tech stanno subendo un duro colpo poiché un certo numero di stabilimenti dei loro fornitori in Cina ha sospeso le operazioni questa settimana per conformarsi a rigide politiche di limitazione dell'elettricità.

Il South China Morning Post riporta che almeno 20 giurisdizioni provinciali su 31 sono state costrette ad adottare misure di razionamento dell'elettricità la scorsa settimana, con la scarsa offerta di carbone che ha innescato un crollo della produzione cinese.

Il prezzo del carbone termico - su cui il Paese fa affidamento per oltre la metà della sua energia - è esploso da $104/ton di gennaio a circa 170 $170/ton di settembre, ma le leggi di Pechino vietano alle aziende di trasferire l'aumento dei costi ai consumatori, costringendole a prendere il colpire invece.

Posta un commento

Nuova Vecchia