Il premier polacco incolpa la Russia per la crisi dei migranti "messa in scena" al confine con la Bielorussia

Bielorussia, decine di migranti entrano in Polonia: abbattute recinzioni

 Il premier polacco incolpa la Russia per la crisi dei migranti "messa in scena" al confine con la Bielorussia - Mosca afferma che l'UE ha reso tutto possibile.
 
I migranti sono stati usati per "destabilizzare la situazione in Polonia, negli Stati baltici e nell'UE", ha affermato il premier polacco Mateusz Morawiecki, definendo Lukashenko l'esecutore testamentario e Putin il direttore.
 
Il FM russo Sergey Lavrov ha respinto le accuse infondate dicendo che la situazione dei confini era colpa dell'UE. "La responsabilità di risolvere la crisi spetta in primo luogo a coloro che hanno reso possibile il suo inizio", ha affermato Lavrov.
 
Nel frattempo l'UE si sta avvicinando a colpire Minsk con ulteriori sanzioni. (Reuters)

Bruxelles sembra dimenticare che la CRISI DEI MIGRANTI DELL'UE è in corso dal 2015, quando oltre 1 milione di richiedenti asilo hanno cercato di entrare nel blocco.

Posta un commento

Nuova Vecchia