Assalto alla Sardegna, scippo in 47 mosse. Una bufala dell'Unione Sarda

L’informazione nazionale avrà pure i suoi problemi, ma anche a livello locale la Sardegna non scherza.
 
Come al solito Mauro Pili offre inchieste all’Unione Sarda, giustificando le proprie idee politiche con dati INESISTENTI.
Qui si afferma che 2090 megawatt di energia elettrica, presumibilmente ottenuta dalla somma di tutti i progetti PNRR al vaglio del MITE (Ministero per la Transizione Ecologica) per le fonti alternative di produzione di energia, servirebbero per sfamare il fabbisogno di 15 milioni di abitanti!
 
Senza fare grossi ragionamenti, affidiamoci solo a quello che dice la Regione Sardegna sull’attuale produzione di energia elettrica da centrali a carbone: 2501 megawatt. Che sarebbe una produzione in eccesso del 40%.
Considerando che siamo 1,6 milioni di abitanti (dato al 2019 degli abitanti in Sardegna), significa che questa energia da rinnovabili, oggetto dei capitolati dei vari progetti PNRR, che tanto si denuncia nell’inchiesta, possa servire per meno di 3 milioni di abitanti (calcolo approssimativo in eccesso): decisamente un’altra storia.
 
Ps: i progetti di transizione ecologica servirebbero per eliminare il carbone, cara L'Unione Sarda
I dettagli degli obiettivi PNRR e Next Generation EU, direttamente sul sito del Ministero.
 
 

Fonti da consultare:

Posta un commento

Nuova Vecchia