Genitori, figli e profili spam

I ”profili spam” stanno impazzando nella moda social tra gli adolescenti. Nasce maggiormente su Instagram ma si espande ora fino a TikTok. Si tratta di una seconda vita digitale dei giovani internauti.

 

Cosa sono i "profili spam"

In effetti per coloro che vengono definiti nativi digitali, quella delle app, dei profili social e dei contatti online è proprio “la vita” digitale dei ragazzi.
Il profilo spam è un luogo privato, secondario e nascosto ai genitori/adulti della vita reale, che il giovane si crea. Sei genitore e sai che tuo/a figlio/a ha un profilo spam e sei preoccupato? Pensa come potresti entrare in ansia se non sapessi dell’esistenza di questo profilo 
 
Il fenomeno è preoccupante perché è qualcosa di nascosto e di sommerso che viene portato avanti senza il controllo dei genitori.
 

Il fenomeno dei profili spam

Io penso che il preoccupante qui sia principalmente il rapporto genitori/figli che abbiamo instaurato, a prescindere dai profili spam. Un rapporto sano e sincero non dovrà preoccuparci.
 
Altro è sicuramente l’avere contezza come genitori e come figli del fatto che ogni cosa venga pubblicata online, rimane li per sempre. Non sarà un profilo privato a proteggere informazioni imbarazzanti su di noi. Inoltre il mondo digitale evade il diritto all’oblio del quale, superata l’età adolescenziale, presumibilmente vorremo poter godere.

Cosa fare in pratica

Ragazzi, create gli account che volete ma:
  • attenzione a cosa caricate online (basta uno screenshot di un amico di un amico per tormentarvi a vita)
  • attenzione a chi vi contatta e con chi parlate (molti sperano di potervi adescare per azioni illecite solo perché siete in un account fuori dal controllo dei genitori, non cascateci)

Posta un commento

Nuova Vecchia