La Russia sferra l’attacco via internet: paesi NATO presi di mira. Ma si tratta di campagne di phishing

Si tratta di campagne di phishing, non di attacchi dettati dalla cyber war, né tanto meno atti a sabotare organismi centrali

da Cellulari.it

Dalla Russia con furore. Arriva da lì l’ormai noto Seaborgium, una pericolosissima minaccia nonché autore di tantissimi attacchi phishing, andati a segno nell’ultimo periodo, prendendo di mira obiettivi e vittimologia che si allineano strettamente con gli interessi dello stato russo.

Nonostante alcuni obiettivi di queste organizzazioni, Microsoft ritiene che l’Ucraina non sia probabilmente un obiettivo primario per questo attore; tuttavia, è molto probabilmente un’area di interesse reattiva per l’attore e uno dei tanti target diversi.

Prima di iniziare una campagna, Seaborgium conduce spesso la ricognizione degli individui target, con particolare attenzione all’identificazione di contatti legittimi nella rete sociale distante o nella sfera di influenza degli obiettivi.

 

Posta un commento

Nuova Vecchia