Top Ad 728x90

⁠Investe accidentalmente il marito nel vialetto di casa e lo uccide

Una donna stava lasciando in macchina l’abitazione, ma mentre faceva manovra non si è resa conto che vicino alla vettura c’era il marito


Qualche anno fa andava di moda un programma chiamato ‘Mille modi per morire’. Questo era famoso perché mostrava al pubblico – come si può intuire dal titolo – alcune delle morti più strane possibili. Frutto di invenzioni, o per lo meno la maggior parte, queste venivano trattate con ironia e scherno nei confronti delle vittime immaginarie. Una serie di attori recitavano episodi verosimili facendo divertire chi lo guardava. Se questa era però una trasmissione in tv, spostandoci nella cronaca – e tornando quindi nella realtà – tra omicidi, suicidi e altri casi drammatici di nera, troviamo anche situazioni che oltre all’orrore, è inevitabile che possano strappare un macabro sorriso.
Auto parcheggiata davanti una casa – Notizie.com


Si parla sempre di fatti veramente accaduti, quindi la compassione per le persone scomparse ha sempre la priorità. Il modo, però, in cui è avvenuta è impossibile che non scateni almeno un po’ di meraviglia. Incidenti nati per caso, o per distrazioni, che lasciano di stucco il lettore e che ottengono sempre un particolare interesse. In questo contesto si inserisce serenamente quanto avvenuto lo scorso sabato mattina in Belgio, dove un uomo ha perso la vita in maniera del tutto assurda e inaspettata.


Un omicidio in famiglia




Siamo nella cittadina di Dworp, a sud di Bruxelles, nelle Fiandre, e una famiglia era pronta per uscire dalla casa di un amico per fare ritorno nella propria abitazione. Un imprevisto, però, ha reso quella mattinata una vera e propria tragedia. Mentre una donna usciva dal vialetto, nel quartiere di Beerselse, con la macchina, questa non si è resa conto che dietro alla vettura c’era il marito. L’impatto è stato inevitabile, l’esito anche. Da quel momento l’uomo non si è più rialzato da terra, inutili sono stati i soccorsi dell’ambulanza, arrivata sul posto non appena chiamata. Il medico del MUG ha potuto solo constatare la morte, spiegando che non c’era più nulla da fare.
Auto della polizia – Notizie.com


Una situazione anomala, nata tutta da una manovra sbagliata della moglie, forse distratta, che dopo averlo colpito lo ha trascinato con sé per qualche metro. Dettagli tutti spiegati alla polizia che, una volta sul posto, non ha avuto neanche bisogno di ulteriori accertamenti da parte di esperti: “Poiché tutte le circostanze erano immediatamente chiare, la procura non ha richiesto un medico legale e un esperto del traffico” – afferma Sabine Lievens della procura di Halle-Vilvoorde, prima di aggiungere – “Anche il luogo dell’incidente è stato subito sgomberato“.


L'articolo ⁠Investe accidentalmente il marito nel vialetto di casa e lo uccide proviene da Notizie.com.


http://dlvr.it/T4tWDw

OpenAI, in arrivo anche la clonazione vocale: i rischi sono altissimi

La società fondatrice di ChatGPT si avventura in un’altra affascinante ma pericolosissima scoperta tecnologica


Il progresso tecnologico è una delle fortune di cui l’uomo può godere. Fondamentale per la ricerca, in campo medico e scientifico, e le conseguenti scoperte, questa presenta però anche dei lati oscuri. Se maneggiata con poca cura, se non si presta attenzione a ciò che si fa circolare, può provocare danni non solo a sé stessi, ma soprattutto agli altri. Per questo prendere con le pinze ogni passo verso il futuro, proporre norme e regolamenti anche stringenti, diventa un passaggio necessario per garantire la giusta convivenza tra uomo e tecnologia. Un connubio perfetto, funzionale, ma pur sempre regolamentato.
Una rappresentazione simbolica dell’Intelligenza Artificiale – Notizie.com


Parlando in questi termini il pensiero va immediatamente all’Intelligenza Artificiale, ultima e rivoluzionaria invenzione. Questa ha permesso di aprire spazi che prima sembravano irraggiungibili e il suo potenziale è incredibile, forse anche troppo sviluppato. Proprio per queste ragioni sono state decretate delle leggi a tutela della sicurezza mondiale e che sembrerebbero aver frenato gli obiettivi prossimi della celebre azienda OpenAI. La società di Greg Brockman, infatti, ha presentato – e realizzato – un progetto tramite il quale è già possibile clonare la voce di una persona. Un risultato impressionante, ma che non ha ancora ottenuto l’ok per essere messo in circolazione.


Una scoperta troppo pericolosa




La presentazione della nuova tecnologia ‘Voice Engine‘ è arrivata lo scorso venerdì, esattamente una settimana dopo aver depositato una domanda per ottenere un marchio per il nome. La spettacolarità e la pericolosità di questa eccezionale invenzione si riassume nella sua capacità di ricreare la voce di una persona con soli 15 secondi di registrazione. Una frazione di tempo microscopica che consentirebbe a chiunque di registrare un discorso e, per mezzo di quello, clonare la parola di qualcuno, anche senza la sua autorizzazione. L’uso improprio, dunque, è un rischio troppo elevato, motivo per cui la stessa azienda ha comunicato di volerla sottoporre a test, ma di non metterla in vendita e quindi a disposizione di tutti.
Conferenza sull’intelligenza artificiale (Ansa Foto) – Notizie.com


“Riconosciamo che generare un discorso che assomigli alla voce della gente comporta seri rischi, che sono particolarmente importanti in un anno elettorale“, ha affermato la società di San Francisco in una nota. Nei tester, che verranno svolti nei mesi a venire, OpenAI ha dichiarato che tutto ciò verrà fatto sotto l’occhio di tutti, ottenendo l’autorizzazione dei ‘proprietari’ di tutte le voci che saranno rigenerate. Una dichiarazione per sottolineare l’intenzione di proseguire con lo sviluppo, ma facendo tutto in maniera legale e alla luce del sole.


L'articolo OpenAI, in arrivo anche la clonazione vocale: i rischi sono altissimi proviene da Notizie.com.


http://dlvr.it/T4tH58

Test per i magistrati, ecco alcune domande che potrebbe adottare il governo

Il quotidiano Libero è venuto in possesso di alcuni documenti che serviranno per misurare i nuovi magistrati. E le polemiche non mancano 


Test per i nuovi magistrati. Il Governo tira diritto e va avanti. Ecco, secondo il quotidiano Libero che ha ottenuto di dare una sbirciata al famoso Minnesota i quiz che il governo Meloni su spinta del ministro Nordio intende portare avanti, forse con qualche modifica, per scegliere i i futuri magistrati. Ci sono tante cose all’interno di questi quiz che, c’è da dirlo, sono stati stilati nel 1942, e questa è una cosa che pochi prendono in considerazione, tanto che va nel privato chiedendo i rapporti con i genitori, abitudini sessuali e anche nelle frustrazioni.
Il ministro della Giustizia Nordio (Ansa Notizie.com)


Dal 1942 si passerà direttamente al 2026 e per poter diventare un magistrato si dovrà sostenere, a parte le classiche domande, anche un test importante e piuttosto grande per avere accesso alla carriera giudiziaria. Le modifiche ci saranno ma verranno ancora inserite e decise. Il questionario dovrebbe avere circa 567 domande con una risposta secca con l’aspirante giudice che dovrò rispondere con “vero” o “falso” .


Un test che ha qualche anno e che viene usato anche per carabinieri e Polizia


Il magistrato Gratteri capo procuratore di Napoli (Ansa Notizie.com)


Si chiama test Minnesota perché prende il nome dall’omonima Università statunitense che stilò per prima la pubblicazione proprio nel 1942. Le domande sono tante e alcune di queste sono anche piuttosto particolari, soprattutto alcune. C’è da dire che è anche un modo che adatta il test al candidato e cerca di capire se le risposte che vengono date dai futuri e aspiranti magistrati “siano coerenti e i risultati possono essere considerati attendibili“.


Ad ogni modo se dal 2026 che ci sia o meno la possibilità di usufruire del Minnesota, questo tipo di test non è che interessi tanto l’Associazione nazionale magistrati che alla prossima e imminente riunione, ovvero il Comitato direttivo centrale per il 6 e 7 aprile, si viene a sapere che “valuterà eventuali iniziative di mobilitazione contro i test psico attitudinali che il governo ha introdotto per accedere alla professione”. E allo stato attuale questo tema fa parte dell’ordine del giorno della riunione dei magistrati. Si vedrà se i magistrati andranno avanti nella loro strada.


L'articolo Test per i magistrati, ecco alcune domande che potrebbe adottare il governo proviene da Notizie.com.


http://dlvr.it/T4rgsp

Paura ad Ede (Olanda), diverse persone prese in ostaggio: arrestato

Paura nella città olandese di Ede dove diverse persone sono state prese in ostaggio da parte di un uomo armato di esplosivo: polizia riesce ad arrestarlo 


Momenti di panico quelli che si stanno verificando in Olanda. Ci troviamo nella città di Ede (ad 85 chilometri da Amsterdam) dove diverse persone sono state prese in ostaggio in un bar-caffè. Questo è quello che ha fatto sapere, con un comunicato, la polizia. Le stesse forze dell’ordine stanno facendo evacuare le abitazioni nei pressi del locale. Secondo quanto riportato da alcune fonti e media locali pare l’autore del sequestro sia una persona che, avrebbe detto, di essere in possesso di alcuni ordigni esplosivi.
Momenti di tensione ad Ede (Ansa Foto) Notizie.com


La stessa polizia, ci tiene a precisare, precisa che non ci sono ulteriori elementi che farebbero pensare ad un attacco terroristico. La cosa certa, però, è che si stanno vivendo attimi di panico nella cittadina olandese, ora piena zeppa di agenti di polizia pronti a fare irruzione nel locale. Non si conoscono al momento i motivi di questo folle gesto da parte dell’uomo. Sul posto decine di auto della polizia. Sono 150 le case che sono state fatte evacuare.


 



☄️ Hostages & Bombs in #Netherlands – Police Evacuate Surrounding Area


A man has taken 5 hostages in a cafe, claiming he’s armed with bombs in the town of Ede.#NetherlandsAuthorities pic.twitter.com/5ZWXp0mnYT


— 𝐂𝐡𝐞 𝐆𝐮𝐞𝐯𝐚𝐫𝐚 ☭ (@cheguwera) March 30, 2024





Ede (Olanda), persone in ostaggio in un locale: arrestato [Aggiornamento ore 13:00]




Sempre secondo quanto riportato da alcune fonti olandesi pare che ci siano almeno quattro o cinque persone prese come ostaggi. Sul posto presente la polizia antisommossa e gli esperti di esplosivi. Nel frattempo il Comune della città olandese ha fatto sapere che tutti i negozi rimarranno chiusi.
Momenti di tensione ad Ede (Ansa Foto) Notizie.com


È stato arrestato l’uomo che aveva preso in ostaggio diverse persone. Lo rende noto De Telegraf. Il tutto è avvenuto poco prima delle 12.30 quando un uomo, con il volto coperto da un passamontagna, è uscito dal bar Petticoat con le mani alzate. Subito gli agenti si sono avvicinati per ammanettarlo.


L'articolo Paura ad Ede (Olanda), diverse persone prese in ostaggio: arrestato proviene da Notizie.com.


http://dlvr.it/T4rR9d

Bertolotti (Ispi): “I talebani si stanno dimostrando incapaci di gestire il Paese”

Claudio Bertolotti, ricercatore dell’Ispi, in esclusiva ai nostri microfoni sul nuovo annuncio dei talebani: “La vecchia leadership continua a confermarsi”.


Un nuovo annuncio dei talebani spaventa il mondo. Il mullah in un messaggio ha svelato la propria volontà di lapidare le adultere in pubblico. Una reintroduzione della fustigazione che peggiora maggiormente la condizione delle donne in Afghanistan. Noi di questo ne abbiamo parlato in esclusiva con Claudio Bertolotti, ricercatore dell’Ispi.
L’annuncio dei talebani spaventa l’Occidente – Notizie.com – © Ansa


Dottor Bertolotti, i talebani hanno annunciato di voler lapidare le adultere in pubblico. Cosa c’è di vero e perché lo hanno fatto.


“E’ assolutamente tutto vero. I talebani si stanno dimostrando incapaci di gestire il proprio Paese. Di fatto stanno riportando l’Afghanistan ad una visione tradizionale che corrisponde a quella nella quale sono cresciuti e dove si è consolidato il fondamentalismo estremamente rigido. Questo è particolarmente vero per la vecchia generazione, ma in parte caratterizza anche la nuova. Inoltre, si è sempre in attesa del cambio generazionale. Se questo porterà ad una apertura alla società civile è difficile da dire. In questo momento la vecchia leadership si sta confermando“.


Una posizione che rende difficile il dialogo con l’Occidente.


“In realtà non è così. L’Europa fa dell’aspetto dei diritti umani un limite che non può essere superato. La Cina, la Russia e gli Stati Uniti dialogano in maniera costruttiva, diretta, esplicita e chiara. I primi due Paesi hanno delle forme di collaborazioni molto strette sul piano economico, gli Usa su quello della sicurezza. Insomma, per gli americani i talebani sono il soggetto interlocutore contro il terrorismo. Un qualcosa di paradossale se si pensa che la famiglia dell’attuale ministro degli Interni è molto vicina ad Al Qaeda“.


L'articolo Bertolotti (Ispi): “I talebani si stanno dimostrando incapaci di gestire il Paese” proviene da Notizie.com.


http://dlvr.it/T4rR0C

Renzi e l’accordo con Emma Bonino: “Il messaggio che vogliamo mandare è chiaro”

Matteo Renzi in un’intervista al ‘Corriere della Sera’ si sofferma sull’accordo trovato con Emma Bonino: “Il senso dell’accordo è politico”.


Matteo Renzi con Emma Bonino alle prossime Europee. Italia Viva ha sciolto dubbi e deciso di stringere una alleanza con +Europa in vista delle elezioni di giugno. Una scelta sicuramente a sorpresa, ma che ha come obiettivo quello di superare lo scoglio del 4% ed essere presente in Parlamento.
Matteo Renzi sull’accordo con Emma Bonino – Notizie.com – © Ansa


Intercettato dai microfoni del Corriere della Sera, Matteo Renzi spiega che con questa intesa si vuole mandare un messaggio chiaro: aggiustare un mondo che cade a pezzi tramite l’Europa. Ma non è assolutamente finita qui. Per l’ex premier questo accordo consente agli europeisti di contare di più. Si tratta di una intesa sostanzialmente politica nonostante le idee tra lui e la Bonino non sono le stesse.


Renzi e la sua candidatura


Renzi non scioglie i dubbi sulla sua candidatura – Notizie.com – © Ansa


Non sembra, invece, essere all’ordine del giorno la candidatura di Renzi alle prossime Europee. Anche lui, come tutti gli altri leader, a breve dovrà sciogliere tutti i dubbi e decidere se correre oppure no, ma possiamo dire che non fa parte delle priorità dell’ex premier.


Ad ammetterlo è proprio il numero di Italia Viva in questa intervista. Renzi ammette la sua intenzione di candidarsi capolista in caso di scesa in campo da soli. Ora la situazione è cambiata e le decisioni saranno prese tutti insieme nei nei prossimi giorni. Non è da escludere che alla fine decida di candidarsi, ma c’è anche la possibilità di non vederlo in prima persona in questa corsa.


Boschi sull’accordo con Emma Bonino


Boschi commenta l’accordo con Emma Bonino – Notizie.com – © Ansa


L’accordo con Emma Bonino è anche al centro dell’intervista di Maria Elena Boschi a La Repubblica. L’esponente di Italia Viva si dice certa che l’intesa porterà i democristiani a votare per loro oltre che a togliere seggi ai sovranisti. E su Calenda in corsa con loro alle prossime Europee la Boschi non h dubbi: “E’ lui che non ha intenzione di collaborare con noi. Non abbiamo mai messo veti e non lo faremo sicuramente in questo momento“.


L'articolo Renzi e l’accordo con Emma Bonino: “Il messaggio che vogliamo mandare è chiaro” proviene da Notizie.com.


http://dlvr.it/T4rQv8

Lazio-Juventus, il doppio ex Giannichedda: “Entrambe le squadre hanno l’obbligo di vincere”

Giuliano Giannichedda, ex di Lazio e Juventus, in esclusiva ai nostri microfoni sulla sfida dell’Olimpico: “Ecco i giocatori che potrebbero essere decisivi”.


La Serie A riparte e si ricomincia con un interessante Lazio-Juventus. La prima di Tudor sulla panchina biancoceleste contro la sua ex squadra e dall’altra parte bianconeri a caccia del riscatto. Due club che conosce molto bene Giuliano Giannichedda. E noi lo abbiamo sentito sentito in esclusiva per capire cosa aspettarci da questa sfida.
La Serie A riparte con Lazio-Juventus – Notizie.com – © Ansa


Giuliano Giannichedda, si riparte con Lazio-Juventus. Che partita dobbiamo aspettarci?


“La prima di Tudor. Sia lui che i giocatori vorranno fare bella figura. In più il tecnico croato affronta la squadra dove ha giocato da calciatore e fatto anche il vice di Pirlo. Per quanto riguarda la Juventus, i bianconeri devono riprendere il cammino e ricominciare a fare punti perché da dietro spingono“.


Cosa può dare Tudor a questa Lazio?


“Può essere uno stimolo in più perché propone cose nuove. Di certo le dimissioni di Sarri hanno lasciato un vuoto. Ma il tecnico ha voluto dare una scossa soprattutto a livello di entusiasmo“.


Chi potrà essere decisivo da una parte e dall’altra?


“Intanto bisogna capire le formazioni. La Lazio potrebbe giocare a 3 con Felipe Anderson esterno e Immobile centrale. Entrambi sono calciatori molto pericolosi. Nella Juventus bisogna vedere. Non ci sono Vlahovic e Milik. Da capire se Allegri si affiderà a Yildiz e Chiesa insieme a Kean oppure al consueto 3-5-2. Sicuramente per Kean questa partita potrà essere una grande occasione“.


Giannichedda: “Lazio e Juventus fanno della programmazione la caratteristica migliore”


Giannichedda in carriera ha giocato sia con la Juventus che con la Lazio – Notizie.com – © Lapresse


Lei ha giocato in entrambe le squadre. Quali sono le differenze tra le due?


“Io ho avuto la fortuna di giocare in una Lazio e in una Juventus molto forti. Sono due squadre che hanno vissuto momento eccezionali e fanno della programmazione la caratteristica migliore al di là degli obiettivi“.


C’è qualche aneddoto particolare?


“Quando stavo alla Lazio giocare contro una squadra forte come la Juventus era uno stimolo in più. In bianconero devo dire che giocare contro i biancocelesti era bello perché affrontavo una squadra dove i tifosi mi hanno voluto molto bene“.


L'articolo Lazio-Juventus, il doppio ex Giannichedda: “Entrambe le squadre hanno l’obbligo di vincere” proviene da Notizie.com.


http://dlvr.it/T4rQlS

Sanremo 2024, il portavoce del FantaSanremo in ESCLUSIVA: “Colpiti da Renga e Nek. La lega delle ambasciate? Un onore”

Lorenzo Girelli, portavoce del FantaSanremo, ha parlato in esclusiva ai microfoni di Notizie.com del progetto, di ciò che sta accadendo e delle ultimissime. Andiamo a leggere le sue parole


Il FantaSanremo è il gioco del Festival e ogni anno aumenta sempre di più la sua portata e i numeri che accumula. Ai nostri microfoni, Lorenzo Girelli, portavoce de Il FantaSanremo, ha detto la sua su diversi temi, a partire proprio dai dati per poi arrivare ai cantanti che più lo hanno colpito.
Girelli 20240210 – notizie.com


“AUMENTO DI NUMERI INCREDIBILE” – “Questo è stato un anno record per noi, abbiamo migliorato i risultati dell’anno scorso che già credevamo fossero incredibili. I nostri utenti sono aumentati di quasi un milione e 200mila unità. Le squadre sono state 4 milioni e 300mila, un altro dato importante è il numero delle leghe che testimonia il fatto che questo è un gioco di contatto, per ritrovarsi, dove siamo arrivati a 500mila”.


“NEK E RENGA E I NEGRAMARO CI HANNO COLPITO” – “Se vediamo la classifica abbiamo in testa i La Sad, Dargen D’Amico e BigMama che l’hanno fatto davvero in maniera giocosa. Personalmente sono rimasto molto colpito da Nek e Renga e i Negramaro. Uno immagina che artisti con una carriera straordinaria come loro magari non si prestino a certe cose, invece hanno dimostrato divertimento nel giocare e lo abbiamo vissuto anche di persona quando sono venuti a trovarci”.


Sanremo 2024, parla il portavoce del FantaSanremo




“LE AMBASCIATE? UN ONORE” – “E’ stata una sorpresa anche per noi. Lo abbiamo visto e la cosa ci ha fatto un grande onore e allo stesso tempo ci ha fatto sorridere pensando a come è nato il gioco, da un bar di quartiere ad una sfida fra ambasciate in Italia”.


“SIAMO SEMPRE I SOLITI” – “Devo dire che il clima non è cambiato, come eravamo quattro anni fa lo siamo ora. Lo spirito è rimasto quello, ci galvanizziamo per le cose degli artisti. I numeri sono cambiati ovviamente. Come team siamo in sedici, insieme a noi poi ci sono altri collaboratori, in totale ruotano una trentina di persone”.


L'articolo Sanremo 2024, il portavoce del FantaSanremo in ESCLUSIVA: “Colpiti da Renga e Nek. La lega delle ambasciate? Un onore” proviene da Notizie.com.


http://dlvr.it/T2Z5qg

Chi sono i tre criminali più pericolosi d’Italia

L’arresto del genero di Riina riapre la caccia ai criminali latitanti e considerati molto pericolosi. Per il momento sono tre i nomi cerchiati in rosso.


La caccia ai latitanti in Italia non è mai finita, ma il fermo del genero di Totò Riina sta portando le autorità italiane a prestare la massima attenzione su tre nomi in particolare. Non sarà assolutamente facile visto che la fuga ormai va avanti da diversi anni, ma, come riportato Il Messaggero, su un sito sono presenti nome, cognome, indicazione di crimini, foto segnaletica oltre che anche l’anno in cui sono partite le indagini.
La caccia ai latitanti più pericolosi d’Italia prosegue – Notizie.com – foto Pixbay


I fari, come detto in precedenza, sono puntati su tre persone e tra loro c’è anche il killer di Totò Riina. L’inchiesta è pronta ad entrare nel vivo con l’obiettivo di arrestarli il prima possibile per cercare di chiudere il prima possibile questo capitolo.


Chi sono i tre latitanti più pericolosi d’Italia


Ecco chi sono i candidati più ricercati d’Italia – Notizie.com – © Ansa


Ma chi sono i tre latitanti più pericolosi d’Italia? Si parte da Renato Cinquegranella, che sarebbe coinvolto nell’omicidio di Giacomo Frattini. L’uomo è ricercato dal 2002 per associazione per delinquere di tipo mafioso, concorso in omicidio, detenzione e porto d’armi illegale di armi, estorsione ed altro. Dal 2018 per lui è stato diramato un mandato di arresto internazionale.


Il secondo ricercato è Attilio Cubeddu, ricercato per aver sequestrato Rangoni Macchiavelli e Bauer in Emilia-Romagna oltre che coinvolto nel rapimento di Giuseppe Soffiatini e nell’omicidio di Samuele Donatoni. Le ricerche proseguono dal 1997 e fino a questo momento non si hanno assolutamente notizie.


Chiudiamo con Giuseppe Montisi, considerato il killer di fiducia di Totò Riina dopo essersi avvicinato a questo mondo con Bernardo Provenzano. Dal 2016 è considerato uno dei ricercati più pericolosi d’Europa.


L'articolo Chi sono i tre criminali più pericolosi d’Italia proviene da Notizie.com.


http://dlvr.it/T2Yr0z

Festival di Sanremo 2024, il vincitore delle cover e la classifica della quarta serata

E’ stata la serata dei duetti quella di ieri. Un appuntamento che ha assegnato il primo trofeo a questo Festival di Sanremo. Ecco i dettagli.


Geolier ha vinto la serata dei duetti al Festival di Sanremo. Con il medley che ha visto protagonisti anche Luché, Gué e Gigi d’Alessio il cantante napoletano è riuscito a conquistare il primo successo di questa edizione della kermesse canora. Un primo posto non condiviso dai presenti visto i diversi fischi arrivati dalla platea.
E’ stata una quarta serata ricca di sorprese e novità – Notizie.com – © Ansa


A fare da padrona nella serata del venerdì è stata la musica, ma non solo. In molti, soprattutto sui social, hanno apprezzato l’ingresso di Lorella Cuccarini, che è ritornata a ballare e cantare per questo appuntamento al fianco di Amadeus.


Cinema, fiction e sport all’Ariston


Bagnaia a Sanremo con Amadeus – Notizie.com – © Ansa


E’ stata una serata ricca di ospiti considerando che ogni cantante è stato accompagnato da un collega. Ma non solo. Ancora una volta spazio ad attori e sportivi. Esordio al Festival di Pecco Bagnaia, che per una volta ha tolto il casco e indossato una giacca per salutare gli italiani e presentare uno degli artisti di questa serata.


Ma non è assolutamente finita qui. Sul palco dell’Ariston l’intero cast di Mameli, serie televisiva che andrà in onda il 12 e il 13 febbraio su Rai 1. Spazio anche per il duo Margherita Buy ed Elena Sofia Ricci per presentare l’esordio da regista della prima con Volare. Una menzione speciale va fatta anche per Gigi D’Agostino, che ritorna a cantare in televisione dopo diversi anni.


La classifica della quarta serata


Geolier vince la serata delle cover – Notizie.com – © Ansa


Non solo la vincitrice, ma i primi cinque nomi di una classifica della quarta serata. Ricordiamo che la generale sarà svelata in apertura dell’ultimo appuntamento previsto per stasera. A votare sono stati sala stampa, televoto e radio.


1° – Geolier con Guè, Luchè e Gigi D’Alessio

2° – Angelina Mango

3° – Annalisa con la Rappresentante di Lista

4° – Ghali con Ratchopper

5° – Alfa con Roberto Vecchioni


L'articolo Festival di Sanremo 2024, il vincitore delle cover e la classifica della quarta serata proviene da Notizie.com.


http://dlvr.it/T2YLrd

Top Ad 728x90