Pilota russo esulta la vittoria di kart con saluto romano fascista

 

Crea polemica l'esultanza del pilota russo Artem Severiukhin durante la premiazione per la vittoria della prima gara del Campionato europeo junior di karting. 

Severiukhin, che corre con la squadra svedese Ward Racing, ha potuto partecipare alla gara nonostante le sanzioni alla Russia perché ha usato un passaporto italiano. Sulla sua testa, sul podio, è stata mostrata infatti una bandiera italiana e non russa.

La vittoria del pilota russo con il saluto romano

Il pilota Severiukhin è finito nella bufera dopo aver esultato sul podio con il saluto romano. Il russo, arrivato primo in una gara in Portogallo. Per aggirare le sanzioni imposte agli atleti russi a causa della guerra in Ucraina, il pilota ha gareggiato sotto bandiera italiana. 

Al momento della premiazione, durante l'inno italiano, Severiukhin ha alzato battuto il pugno sul petto e poi ha alzato il braccio destro imitando il saluto romano.
Decine i commenti e le critiche al gesto di Severiukhin. La Fia Karting aveva in un primo momento pubblicato il video dell'esultanza sui social, poi lo ha eliminato. 

Il video del podio



Posta un commento

Nuova Vecchia